A.S.I.T.  S.p.A.
     Azienda Servizi Integrati Territoriali

 Largo San Francesco, 1 Narni (TR)

 

Tel 0744.760143-762061 Fax 0744.760136 

->Come differenziare i rifiuti

Home

 
La raccolta della carta e del cartone

La CARTA è quella dei giornali, delle riviste. E' anche quella dei tabulati degli uffici. Il CARTONE è piccolo e grande: è il cartoncino di una confezione di pasta o lo scatolone che ha contenuto un televisore. Il Tetrapak va conferito con la CARTA.
Attenzione:
la carta plastificata, quella oleata, la carta metallizzata, cioè tutta la carta accoppiata con altri materiali, non è riciclabile. Va buttata coi i rifiuti secchi residui. Così come i fazzoletti di carta usati. Invece i tovaglioli di carta usati si possono buttare con gli avanzi del cibo.

La carta ed il cartone (piegato) devono essere piegati o legati (o riposti in una più capiente scatola di cartone), prima di metterli a bordo della strada nelle ore che precedono la raccolta. Nelle frazioni, la carta ed il cartone (quest'ultimo sempre piegato) si possono conferire nei piccoli cassonetti stradali.

La raccolta del vetro e dei piccoli metalli

Sono di VETRO le bottiglie, i bicchieri rotti, le piccole lastre. Sono METALLI le lattine di alluminio delle bibite o quelle di banda stagnata (come quelle dei pomodori pelati), le pentole, vecchie posate e cose simili.

Anche il vetro e i piccoli metalli vengono ritirati a domicilio. Al cittadino o al condominio sono stati consegnati un MASTELLO o un CASSONETTO BLU da utilizzarsi per il conferimento di questi rifiuti. Nelle frazioni , il vetro e i piccoli metalli vanno gettati nei cassonetti stradali o nelle campane.

La raccolta dei rifiuti organici

I rifiuti organici sono gli AVANZI DEI CIBI: ossa, resti di verdure crude e cotte, avanzi di pasta, riso, lische e teste di pesce, gusci d'uova, noccioli, torsoli e bucce della frutta, il caffè e le bustine di thé. Ma anche foglie, erba, rametti, fiori.. E poi i tovaglioli di carta usati (perché sono fatti con cellulosa ricavata dagli alberi).
Attenzione:
vaschette, barattoli e cose simili, anche se hanno contenuto cibi, non sono avanzi di cibi. Gli oli vegetali (da frittura) possono essere conferiti presso il centro di raccolta di Maratta Bassa.

Gli avanzi dei cibi li ritiriamo quasi ovunque a domicilio. In casa, occorre utilizzare il SECCHIELLO MARRONE. Prima di buttarci gli avanzi dei cibi, va foderato internamente con il sacchetto in mater-b, un materiale biodegradabile, essendo fatto con l'amido di mais. Il mastello o il cassonetto, deve essere messo a bordo strada nelle ore che precedono la raccolta.

La raccolta della plastica

Sono di PLASTICA le bottiglie dell'acqua e delle bibite e i flaconi dei detersivi, ma anche le vaschette e le pellicole degli alimenti, così come i sacchetti della spesa.
Attenzione:
piatti ed i bicchieri di plastica ben puliti possono essere conferiti con la PLASTICA

La plastica la ritiriamo ovunque A DOMICILIO. Il sacco per conferire questi rifiuti è di colore giallo semitrasparente. In alcune situazioni o nelle frazioni, la plastica può essere conferita nei cassonetti stradali o nelle campane gialle.

La raccolta dei rifiuti pericolosi

Questi rifiuti vanno separati con particolare attenzione dagli altri, perché possono essere molto inquinanti. Sono le pile ed i farmaci scaduti (con gli eventuali contenitori). Ma anche i barattoli di vernice, i flaconi degli spray (a parte quelli ecologici). Questi prodotti li riconosci perché le confezioni riportano i simboli: infiammabile, tossico, corrosivo o irritante.

La raccolta avviene presso i rivenditori di prodotti elettrici e le farmacie dove si trovano i contenitori per le pile ed i farmaci scaduti.
La raccolta dei rifiuti secchi residui
Sono tutti quei rifiuti che non sono riciclabili, ciò che resta dopo che la differenziazione degli avanzi di cibo, della carta, del vetro, della plastica, e dei i rifiuti pericolosi.

I rifiuti secchi residui li ritiriamo ovunque A DOMICILIO. I cittadini possono utilizzare preferibilmente sacchi riciclati, quali ad esempio i sacchetti della spesa o, a scelta, in funzione del volume dei rifiuti da smaltire, acquistino autonomamente i sacchi in plastica per conferire la frazione secca dei rifiuti.